Aglio: è tossico per i cani?

NO! L’aglio non è tossico per i cani, anzi, nelle giuste dosi, ha uno straordinario effetto antiparassitario a livello interno ed esterno, tra molti altri benefici.

La prima cosa da chiarire è che la tossicità dell’aglio per i cani è direttamente correlata alla quantità ingerita. Perché l’aglio non è cattivo di per sé, ma può diventare un alimento pericoloso se un cane ne mangia più del dovuto, in base alle sue dimensioni.

L’aglio è una verdura della famiglia allium. Tutti abbiamo sentito parlare della tossicità della cipolla nei cani a causa di un componente chiamato tiosolfato che, in grandi dosi, può danneggiare le cellule del corpo e causare anemia. Affinché questo succeda, il cane dovrebbe ingerire lo 0,5% del suo peso corporeo in cipolla, il che significa che un cane da 30 kg dovrebbe mangiare 150 g di cipolla al giorno. Anche l’aglio contiene questo componente, ma in dosi minori, pertanto, per diventare tossico, un cane dovrebbe mangiare giornalmente grandi quantità di aglio.

Vorremmo fare riferimento a vari studi clinici e report che confermano che l’aglio apporta ai cani più benefici che svantaggi. La dose quotidiana di aglio che un cane deve mangiare per intossicarsi è talmente alta che difficilmente un padrone la somministrerebbe al cane.

L’Istituto di Farmacologia e Tossicologia Veterinaria dell’Università di Zurigo ha pubblicato nel 2006 una dose tossica per cani e gatti di 5 grammi di aglio per chilogrammo di peso corporeo al giorno. Uno spicchio d’aglio pesa 2-3 grammi. La quantità di aglio nei menu di AltuDog è molto inferiore alle dosi indicate come tossiche, per cui non esiste in nessun caso rischio di tossicità.

Queste dosi hanno effetti benefici sulla salute dei nostri cani, in caso contrario, i nostri esperti di nutrizione veterinaria non avrebbero MAI inserito l’aglio nei nostri menu. Il vantaggio più noto dell’aglio per la salute dei nostri cani è il suo grande effetto antiparassitario. Invece di dare ai nostri cani antiparassitari basatisui prodotti chimici nocivi per la salute, una piccola dose giornaliera di aglio ha lo stesso effetto per tutto l’anno, evitando così pulci, zecche e altri parassiti in modo naturale e senza danneggiare la salute del nostro cane.

L’Istituto di Tossicologia Veterinaria dell’Università di Zurigo (Prof. Dr. Nägeli) afferma: «L’apporto di aglio può essere benefico per la salute dei cani. Qui consigliamo una dose giornaliera di 4 grammi di aglio fresco per un cane di stazza media! E ripeto che non ho mai dovuto trattare con un veterinario casi correlati all’intossicazione da aglio”.

Affinché l’aglio sia efficace come antiparassitario, non è necessario dargli una quantità molto alta.

Anche la dott.ssa Krukemeyer (veterinaria) ha dato il suo parere sulla presunta tossicità dell’aglio per i cani: “In oltre 20 anni di attività veterinaria, non ho mai visto alcun caso di intossicazione data da cipolla o aglio, né tra i miei pazienti, né tra quelli dei miei colleghi. L’avvelenamento da tiosolfato può avvenire solo con 40 g per chilogrammo di peso del cane, vale a dire 1,4 kg (!) di cipolla al giorno per un cane di 35 kg. Pertanto, con l’aglio, la dose tossica dovrebbe essere notevolmente superiore. Chi dà tanti chili di aglio al suo cane? Rispettate la dose, evitate le dosi eccessive, e l’aglio avrà solo vantaggi e non sarà tossico”.

Nella medicina umana e, sempre di più, negli animali, viene consigliato il consumo regolare di aglio come parte di una dieta salutare.

L’aglio ha innumerevoli proprietà benefiche per il corpo:

  • Agente antiaggregante piastrinico: evita la coagulazione delle piastrine nel sangue e agisce anche come fibrinolitico (cancella la fibrina, che è la proteina che forma i coaguli di sangue). In questo modo, è possibile aumentare la fluidità del sangue ed è consigliato in caso di embolia, trombosi…
  • Ipoglicemia: l’aglio regolarizza il livello di glucosio e, pertanto, è benefico per i diabetici e le persone obese.
  • Antibiotico e antisettico generale: l’aglio ha anche un’azione antibiotica contro vari microrganismi (escherichia coli, Salmonella
    typhimurium, stafilococco e streptococco, vari funghi e altri virus). Il potere battericida dell’aglio nel tratto intestinale è selettivo. Pertanto, a differenza degli antibiotici sintetici, regola la flora intestinale e non la distrugge perché agisce solo sui batteri patogeni.
  • Stimola le difese: l’aglio aumenta l’attività delle cellule difensive del corpo, stimolando così la risposta immunitaria e aiutando il sistema immunitario del corpo a resistere alle infezioni.
  • Anti-cancerogeno: studi hanno dimostrato che l’aglio blocca la formazione di tipi potenti di cancro.
  • Antiparassitario: l’aglio agisce contro i parassiti
  • intestinali.
  • Purificante: l’aglio attiva le reazioni chimiche del metabolismo e promuove i processi di escrezione degli scarti.

Con tutte queste informazioni, ti consigliamo di studiare i benefici dell’aglio su fonti cliniche e affidabili.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.